Come sbloccare “not provided” in Google Analytics

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Come sbloccare “ Not provided ” in Google Analytics.

 

Google Analytics è una fantastica risorsa per qualsiasi sito web e abbraccia la vasta gamma che va dai piccoli siti di hobby ai grandi siti sulle organizzazioni governative. Parliamo quindi  di una miniera di informazioni utili, riguardanti le tendenze e i comportamenti dei visitatori.

Tuttavia, vi è un settore in cui Google Analytics delude i suoi utenti: il rapporto organico sui termini di ricerca. Un numero crescente di risultati in questa parte di Analytics sono elencati come ‘not provided’ . Questi risultati naturalmente non servono a molto quando si sta cercando di scoprire che cosa le persone stanno cercando.

Bisogna sottolineare inoltre  che riscontriamo il problema di come sbloccare il ‘not provided’ soltanto per  i risultati organici di ricerca . Vediamo infatti che nei risultati a pagamento non compare questo frustrante risultato.

Perchè compare “not provided”?

Nell’ottobre 2011, Google ha cambiato il modo in cui raccoglie i dati di ricerca per proteggere la privacy degli utenti.

Se un utente è connesso su un prodotto Google (come Gmail o qualsiasi account Google) durante la ricerca, la loro ricerca è condotta su SSL. Come tali, i dati di riferimento relativi a tale ricerca sono nascosti.

I dati di riferimento includono alcune informazioni utili, come le parole chiave utilizzate per effettuare tale ricerca. Google può ancora vedere queste informazioni, ma i proprietari di siti web  e i titolari di Analytics non possono accedervi.

Questi dati mancanti lasciano un buco nei nostri rapporti di analisi, rendendo difficile per noi sapere il ROI delle parole chiave specifiche che si evidenziano nell’ organico.

Fortunatamente, ci sono un paio di soluzioni alternative che possono risolvere il nostro problema su come sbloccare il “not provided” .

Prima di entrare in questa guida, è utile  verificare quante delle tue parole chiavi nella ricerca organica, sono elencate come “not provided”, e se queste sono in aumento. È necessario valutare se vale la pena investire tempo nella decodifica di questi risultati prima di procedere, dal momento che nessuna di queste tecniche offre una singola soluzione infallibile.

 

Metodo 1: capire il comportamento dell’utente con i Reports della Landing Page.

Il primo modo per aggirare il risultato ‘not provided’ è quello di usare Google Analytics per altre informazioni avendo quindi più notizie su quei visitatori e su quello che stavano facendo sul tuo sito.KM1

Questo metodo è stato descritto in dettaglio nel blog Econsultancy di Dan Barker:

  1. Nel tuo account Analytics, punta su Admin, quindi Profili.
  2. Fai clic sul nome del profilo su cui desidera lavorare  e selezionare la scheda Filtri.
  3. Creare un nuovo filtro nel tuo account Analytics:KM2

Lo scopo di questo filtro è estrarre i risultati “not provided”. Per fare questo, estrarre l’URL e riscrivere quest’ultimo al posto del testo originale “not provided” . Anche se questo non rivela la parola esatta, può aiutare a capire dove il traffico sta andando e se è necessario scavare più a fondo con altre tecniche. (La parte importante – la riscrittura – è evidenziata in rosso nel nostro screenshot.)

Bisogna comunque sapere che questo filtro non può essere applicato ai dati storici; si vedrà solo per le nuove visite.

C’è una tecnica simile sul blog di Avinash Kaushik, che prevede la creazione di un segmento avanzato per capire a che landing page portano i risultati “not provided” .

Metodo 2: capire la sorgente del traffico dei dati.

All’interno di Google Analytics, c’è una seconda serie di parametri che possono aiutare a decifrare le parole chiavi più popolari. Il rapporto Search Engine Optimization è progettato specificamente per questo scopo – in particolare il report delle Query.KM3

I dati in questo report sono vecchi di due giorni, ed è giusto dire che le metriche sono di portata limitata. Se gestite un sito web occupato, non basta la sorgente del traffico a darvi dettagli importanti  perché è necessario analizzare correttamente le vostre domande e le pagine di destinazione;

Tuttavia, per i siti più piccoli, vale la pena dare un’occhiata per una panoramica di base di ciò che sta accadendo, con la ricerca organica sul tuo sito.

 

Metodo 3: esaminare i dati di AdWords

Come accennato all’inizio di questo articolo, ‘not provided’ è un problema solo per le Query di ricerca organica. Ciò significa che è possibile risolvere il problema di come sbloccare ‘not provided’ pagando i risultati ad Adwords e misurare i tassi di risposta alle parole chiavi, tramite PPC. Questi sono mostrati in Google Analytics come Matched query di ricerca.KM4

Ovviamente questa non è una soluzione completamente accurata; i dati riportati in Adwords sono legati solo al traffico a pagamento e non al traffico organico. Tuttavia, investire sulla ricerca di parole chiave, è un ottimo modo per ottenere maggiori risultati sulla comprensione del comportamento degli utenti e rendere la vostra ricerca SEO più significativo.

Metodo 4: Uso degli strumenti per i Webmaster

Google Webmaster Tools dashboard è molto meno efficiente di Google Analytics, ma in questa situazione, le metriche raccolte fanno  raggiungere qualche valore. In particolare, si può vedere una panoramica di base di parole chiavi, che portano i visitatori del tuo sito,nel menu Traffico, sotto Query di ricerca.KM5

Nel grafico sottostante troverete una lista abbastanza completa delle parole chiave utili del tuo sito web:webmaster-tools-search-queries

 

 

Google Webmaster Tools inoltre vi dirà la percentuale di clic delle parole chiave da Google Search. A volte un po ‘più di lucidatura sul tag title e sulla meta-descriptions può contribuire ad aumentare la percentuale di clic di queste parole chiave.

Infine, Google Webmaster Tools ti dice anche un importo approssimativo delle impressioni che le parole chiave attireranno. Se siete a conoscenza che una determinata parola chiave stia attirando un gran numero di impressioni, potrebbe essere nel vostro interesse puntare di più su quella parola chiave per ottenere più traffico. Un modo per farlo è quello di ampliare semplicemente i vostri contenuti relativi a questa parola chiave.

Per concludere, risolvere il problema di come sbloccare “not provided”  non è impossibile ma neanche facile e non c’è un modo intrinsecamente sicuro per accedere ai dati. Tuttavia, se si sta perdendo una quantità significativa di dati statistici, vale certamente la pena di investire un po ‘di tempo per superare il problema. L’implementazione di una o più soluzioni alternative può aiutare a migliorare la comprensione delle parole chiave organiche e ottenere una migliore comprensione delle statistiche mancanti.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

One Comment

  • Giuseppe ha detto:

    Ciao, articolo interessante grazie. Ho impostato il Filtro Not Provided in Analytics come riportato in questo articolo. Il filtro sembra funzionare, quindi fino a qui tutto ok, tuttavia ho notato un comportamento strano per quanto riguarda il completamento degli obiettivi. mi spiego: nella scheda ACQUISIZIONE / CANALI se poi si clicca su TRAFFICO ORGANICO avremo tutti i risultati del Filtro (Keyword). Tuttavia ho notato che al completamento degli obiettivi (es. visualizzazione Pagina di ringraziamento) alle varie voci ad es. “np – contatto/grazie” vengono visualizzate 0 Sessioni ma nr. X obiettivi completati. Hai riscontrato questo problema anche tu? Ciao, grazie

Leave a Reply